fbpx

Caracol Yoga

VERSO LA LUCE: Celebrando il Solstizio d’Inverno

Il Solstizio d’Inverno è la data che segna l’inizio della stagione fredda (o inverno astronomico) nonché la giornata più corta dell’anno, quella in cui le ore di luce sono minime rispetto a quelle di buio. 

La notte tra il 21 e il 22 dicembre è la più lunga dell’anno e per circa tre giorni il sole sorge sempre nello stesso punto e l’oscurità regna sovrana!

Infatti il termine Solstizio deriva dal latino “Sol Stat”, “Il sole si ferma” .

Lo yoga celebra questo momento dell’anno come lo hanno fatto per secoli tantissime antiche civiltà, con rituali e cerimonie legate al culto del Sole, Divinità Suprema, fonte primaria di Energia e di vita!

La Nascita del Nuovo Sole

Ma soffermiamoci ancora un momento sul significato simbolico del Solstizio d’Inverno.

E’ vero che è il momento dell’anno più freddo e più buio, ma allo stesso tempo è quello in cui celebriamo la nascita del Nuovo Sole.

Dopo il Solstizio, momento in cui si raggiunge l’Oscurità massima, le giornate cominciano piano piano ad allungarsi e la luce va progressivamente ad aumentare fino all’equinozio di primavera, momento in cui giorno e notte avranno la stessa durata!

Quindi il solstizio d’inverno segna l’inizio di una stagione che già nasconde dentro di sé i semi di rinascita della primavera. Con l’aumento progressivo delle ore di luce, la natura si prepara al risveglio. In sostanza dal solstizio in poi il “potere” del sole, rappresentato dalla sua luce, ricomincerà a crescere. 

Il Solstizio d’inverno, nel suo significato ancestrale celebra la fine del Vecchio Sole, che appunto muore e si trasforma nel Sole Bambino che rinasce dall’utero della grande “Madre Terra”. Anche se i più freddi giorni dell’inverno ancora devono venire, sappiamo che con la rinascita del sole la Primavera ritornerà.

La nascita del Nuovo Sole dunque, Il passaggio dal buio alla luce, un nuovo inizio, un nuova rinascita. Un momento propizio per abbandonare il “vecchio” ed accogliere il “nuovo”.

Il Solstizio d’Inverno tra riti pagani e religione

Non è un caso che tutte le religioni festeggiano qualcosa a ridosso di questo periodo dell’anno!

La Hannukkah era la festa ebraica della Luce, che cade tra il venticinquesimo giorno di Keslev, comunemente accettato come Dicembre, e i primi giorni del mese di Tevet, Gennaio. Ecco che sotto l’antico Calendario Giuliano, la nascita di Cristo è stata fissata al 5 a.C. proprio il venticinquesimo giorno di Kislev, questo per scelta popolare.

In Siria e in Egitto il giorno del 25 Dicembre era festeggiato come il giorno della nascita del Sole in santuari da cui se ne usciva alla mezzanotte annunciando che era stato partorito il sole, raffigurato come un bambino.

Nell’antica Roma erano due le feste pagane in questo periodo. Tra il 19 e il 23 Dicembre circa si festeggiavano i Saturnali, in onore del Dio Saturno, con banchetti, feste, orge canti e giochi d’azzardo.

Si festeggiava inoltre il Sole Invictus, fissato nell’ultimo cinquantennio precedente la nascita di Cristo dall’Imperatore Aurelio II il 25 Dicembre… festa di gioia e di speranza dove erano rinnovati i contratti agrari.

Anche nel Nord Europa, e ancor prima che fosse compreso dalla tradizione Cristiana, era festeggiato il solstizio d’inverno, che i Celti chiamavano YUL, da cui il termine anglosassone Yule che significa, appunto, Natale.

I Cristiani celebrano la Nascita di Gesù.

Il Significato e il simbolismo del Solstizio per lo yoga

Lo yoga celebra dunque il Solstizio d’Inverno come un momento di RINASCITA!

Il momento dell’anno in cui le energie dell’Universo favoriscono il passaggio verso il Nuovo, abbandonando ciò che non ci serve, ciò che ci è di peso, ciò che impedisce la nostra evoluzione spirituale!

Il Sole e la Luce vengono associati all’idea d’immortalità dell’uomo, che opera la sua nascita spirituale sviluppando e superando il proprio stato sottile nella notte del solstizio d’inverno. In questa notte avviene la morte simbolica della propria profanità e dell’evento fisico del passaggio dalle tenebre alla luce. Il Sole, che pian piano riconquista la luce alle tenebre, rispecchia

l’iniziato che prende coscienza del proprio “risveglio interiore” ed inizia il suo percorso di ricerca iniziatica.

Un momento di forte interiorizzazione che ci porta ad scendere nelle tenebre più profonde della nostra interiorità per emergere verso una nuova luce.

Siamo alla fine dell’anno, è momento di bilanci… e anche se non amo particolarmente questo termine perchè ci suggerisce l’idea tracciare una linea e giudicar il nostro operato anziché rimanere nel flusso è  vero che sì, siamo senza dubbio chiamati a fermarci… come fa il sole “sol stat” e a decidere cosa lasciare e cosa portare con noi!

Cosa che può sembrare apparentemente scontata ma non lo è affatto… perchè una delle cose più difficili da fare è proprio “lasciare andare”, abbandonare quelle zavorre a noi tanto care che ci impediscono di proseguire… Dobbiamo necessariamente lasciar andare “il vecchio” per fare spazio “al nuovo”!

Il solstizio come momento di rinnovamento e di rinascita!

Verso la Luce

Personalmente amo molto il significato di questa ricorrenza e mi piace praticare quei piccoli rituali che l’antica disciplina dello yoga ci mette a disposizione per alimentare la nostra luce, il nostro fuoco, per portare avanti la nostra intenzione!

L’idea della luce che a poco a poco inizia a prevalere sull’oscurità, la nostra luce interiore che riprende a splendere dopo una simbolica morte nelle tenebre è di per sé una metafora molto bella di quella che è la vita… un ciclo di morti e rinascite!

Quello che sta per finire è sicuramente un anno diverso da tutti gli altri che ha portato nelle nostre vite grandi incertezze, grandi turbamenti e grandi cambiamenti.

Ci siamo trovati tutti a dover far fronte all’emergere di nuove modalità di gestire la nostra nostra vita personale e professionale! Pensiamo solamente a cosa è significato per tanti di noi lavorare in smart o remote working da casa o per i nostri ragazzi studiare a distanza!

Sicuramente è stato un anno che merita di essere chiuso con delle riflessioni, con un momento di meditazione ed introspezione profonda che possa permetterci di vivere appieno, più serenamente e più positivamente un nuovo inizio, un nuovo periodo, un nuovo anno.

La pratica dello yoga  può essere un ottimo strumento per allentare lo stress, lasciare andare tensioni e rigenerare le nostre energie per uscire dalle tenebre ed andare VERSO LA LUCE!

VERSO LA LUCE è il programma di yoga meditazione e Coaching che Caracol Yoga in azienda ha pensato per tutte quelle persone, anche e soprattutto principianti, che vogliano approfittare di queste festività, di questo momento di pausa, per dedicarsi approprio benessere psicofisico ed iniziare un percorso di rinascita personale!

BUON SOLSTIZIO A TUTTI !!!